Dottorato di Ricerca in Nuove Tecnologie per la Città, il Territorio e l'Ambiente
 Skip Navigation Links
 pagina visitata 3488 volte dal 05/07/2010  

Eye On Venice - Idea progettuale per la realizzazione di un sistema di monitoraggio del territorio e dell’ambiente in tempo reale nel comune di Venezia

Il concetto di “territorio” inteso come scenario che assorbe passivamente le azioni degli attori che su di esso si muovono risulta ad oggi anacronistico ed inadeguato rispetto alla domanda informativa largamente espressa.

Sta emergendo infatti una nuova visione del contesto urbano e territoriale nella quale esso diviene una fonte inesauribile di importanti informazioni. Ciò avviene attraverso una sovrastruttura di reti di sensori, piattaforme tecnologiche ed architetture informatiche, che, come parti attive di un organismo vivente, sono in grado di cogliere il continuo mutamento del paesaggio, l’evoluzione dei fenomeni in atto, ed il moltiplicarsi delle continue interazioni con i diversi soggetti che lo popolano. Il cambiamento in atto, oltre ad una nuova visione del patrimonio comune, urbano e naturale, sottende il coinvolgimento di una platea di attori ben più ampia della sola classe preposta al governo del territorio, comprendendo i singoli cittadini, ormai consapevoli del loro ruolo, che interagiscono in maniera attiva con l’ambiente in cui vivono come sensori in movimento.
 
Il progetto Eye on Venice ha lo scopo di realizzare un sistema di monitoraggio territoriale ed ambientale in tempo reale, rivolto all’area del comune di Venezia. Si vuole fornire uno strumento completo di gestione ed analisi delle informazioni territoriali acquisite e la loro successiva organizzazione, rappresentazione e condivisione tramite piattaforma Web, in grado di corrispondere alla domanda di conoscenza dinamica sul territorio. Mediante l’integrazione di strati conoscitivi “statici” (giacimenti informativi e dati da piattaforme tecnologiche) e la costruzione di mappe basate sulla localizzazione in tempo reale (reti di sensori ed apporto degli utenti della città) è possibile individuare aree ad elevato livello di attività ovvero situazioni di criticità. Ciò consente una “lettura” dell’utilizzo della città in tempo reale e una migliore gestione delle risorse, delle emergenze e delle anomalie.
I settori di impiego correlati alle dinamiche urbane sono molteplici e vanno dalla mobilità, al turismo, alle esigenze di protezione civile e alla sicurezza, fino al monitoraggio di parametri ambientali. 

Scarica l'idea del progetto -->