Skip Navigation LinksHOME
 sei il visitatore n. 7230 dal 14/02/2008  
Progetto integrato di ricerca "Nuove Tecnologie e Informazione Territorio - Ambiente"

Le basi informative sul tema territorio ambiente nel nostro paese appartengono ad un paesaggio pressoché desertico, in ragione di un forte ritardo culturale su questo tema e di una crisi profonda dell'iniziativa pubblica in questo settore, sia a livello centrale che periferico e con una modesta presenza di iniziativa privata. E' una condizione diffusa che connota trasversalmente le grandi tematiche dell'ambiente, della difesa del suolo, della mobilità, dei cambiamenti dell'uso del suolo e dei processi di pianificazione.

Un progetto di ricerca, finanziato solo con gli utili provenienti da convenzioni istituzionali sviluppate in area DP - SIT, è stato varato da circa 16 mesi, articolato in quattro distinti progetti di ricerca sostenuti con altrettanti assegni di ricerca, con un quinto da assegnare. Il senso dell'iniziativa è quello di contribuire a rianimare una riflessione a più voci (istituzioni, enti di ricerca, imprese e università), da un lato sui rapporti tra domanda e offerta nel comparto dell'informazione a sostegno dei processi di governo e di gestione del territorio e dell'ambiente, dall'altro sulla necessaria ridefinizione dell'assetto istituzionale di riferimento. Sullo sfondo si colloca il tema della relazione tra modelli di conoscenza e processi decisionali nelle pratiche di governo territorio-ambiente, che costituisce di fatto il vero asse di riferimento della ricerca.


Il progetto di ricerca è costituito da quattro sottoprogetti di cui il primo si occupa di esplorare il contributo conoscitivo che oggi è fornito dal sistema tecnologico. L'Information Communication Tecnology è un settore ormai da anni in tumultuoso sviluppo nell'ambito del quale la sensoristica a bordo di varie piattaforme (satelliti, aeromobili, veicoli terrestri e marini, reti di centraline) per il monitoraggio del territorio assume un peso di grande rilievo. L'obiettivo del progetto è quindi quello di classificare il complesso dell'offerta orientandola verso profili diversi di utenti in ragione delle diverse tematiche applicative.
La seconda ricerca ha come obiettivo quello di esplorare i cosiddetti "giacimenti informativi", definiti come sistema degli archivi gestionali "vivi" (stabili e permanentemente aggiornati) presenti diffusamente nell'ambito della pubblica amministrazione. Questi due progetti rappresentano nella loro integrazione la struttura complessiva dell'offerta di dati e informazioni territorio-ambiente.
La terza ricerca ha come obiettivo, da un lato, l'analisi della domanda di informazione espressa sia in forma implicita dal sistema norme - politiche - istituzioni, sia in forma esplicita da parte di chi opera a livello del governo e della gestione, dall'altro, quello di disegnare modelli di relazione tra segmenti di domanda e opportunità di offerta.
Il quarto progetto si pone l'obiettivo di investigare e rappresentare la geografia delle istituzioni (organi cartografici dello stato, regioni, ministeri, ecc.) con l'intento di verificare il rapporto tra le missioni istituzionali e le pratiche concrete, il grado di consapevolezza nei confronti dell'articolazione della domanda, la conoscenza e la propensione all'utilizzo delle risorse tecnologiche e non. Il lavoro intende quindi rappresentare criticamente lo stato dell'arte in questo settore, confrontarlo con le realtà in altri contesti nazionali e contribuire operativamente al dibattito sulla riforma del settore.

Si tratta quindi di quattro progetti di ricerca fortemente integrati. Elemento trasversale che caratterizza il progetto complessivo di ricerca è costituito dall'organizzazione di tutti i materiali analitici in un database che garantisce una solida struttura di archiviazione, di aggiornamento e di esplorazione dei materiali. Si tratta inoltre di un sistema particolarmente efficace per la pubblicazione degli stessi sul web, condizione fondamentale per l'utilizzo condiviso dei prodotti della ricerca.

(ldp)